il portale dell'enoturismo

 

D'Araprì Soc. Agricola Srl

 

Riferimento: Girolamo D'amico, Ulrico Priore, Louis Rapini, Anna D'amico, Antonio Priore, Daniele Rapini
 
Zona vitivinicola: San Severo (DOC)
 
Anno di fondazione: 1979
 
Certificazioni:
 
Winemaker: Louis Rapini
 
Vitigni: Bombino bianco, Pinot nero, Montepulciano
 
Ettari vitati: 4 + 3 (affitto)
 
Numero di bottiglie prodotte/anno: 90000
 
Etichette più importanti:
d'Araprì Gran Cuvèe
d'Araprì Brut Riserva Nobile
d'Araprì Brut Rosè
d'Araprì Pas Dosè
La Dama Forestiera
 
Descrizione

Nel 1979 tre amici con un'immensa passione per il vino ereditata dai genitori, decidono, per scommessa, di produrre spumante a San Severo, in provincia di Foggia, nel cuore della Daunia. Casa d'Arapr

Come arrivare

A14 uscita San Severo, direzione centro citt


Giorni e orari di apertura: lunedì-venerdì 8.00-13.00 15.30-19.00
 
Giorni e orari visita in cantina: su prenotazione
 
Degustazione di vino: si
 
Degustazione di olio: no
 
Acquisto prodotti in cantina: si
 
Acquisto prodotti online: no
 
Accessibilità disabili: no
 
Parcheggio pullman: no
 
Persona di riferimento: Anna d'Amico
 
Lingue parlate: Italiano, Inglese, Francese
 

Territorio: nei dintorni puoi trovare

 
Musei

Il Museo dell

Monumenti

Nel ricco ed esteso borgo antico, originalmente racchiuso da imponenti mura con ben sette porte urbiche e dalla struttura ancora caratteristicamente medievale, con strade irregolari e tortuose viuzze, meritano una visita: la cattedrale di Santa Maria Assunta; l'antica matrice di San Severino, dedicata al santo patrono, con esterni romanici; la scenografica chiesa arcipretale di San Nicola, dallo sfarzoso interno rococ

Feste ed eventi folkloristici

In onore della Madonna del Soccorso e dei santi protettori Severino e Severo si svolge in maggio (treza domenica) una incomparabile festa, dalle forti suggestioni, con sfarzosa processione caratterizzata da numerose statue di santi e dall'inebriante incendio di rumorose e gaie "batterie" pirotecniche, un vero e proprio unicum nel panorama dello spettacolare effimero barocco, documentate a San Severo dagli inizi del XVIII secolo.