il portale dell'enoturismo

 

Tenuta Fertuna

 
 
 

Riferimento: Gruppo Meregalli
 
Zona vitivinicola: Maremma (DOC)
 
Anno di fondazione: 1997
 
Winemaker: Paolo Rivella
 
Vitigni: Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Vermentino
 
Ettari vitati: 50
 
Numero di bottiglie prodotte/anno: 350000
 
Etichette più importanti:
Messiio Merlot Maremma DOC
Lodai Cabernet Sauvignon Maremma DOC
Droppello IGT Toscana
 
Strada del vino: Strada del Vino dei Sapori Monteregio
Descrizione

Nel cuore della Maremma Toscana, tra le verdi colline e gli orizzonti che spaziano verso il mar Tirreno, Tenuta Fertuna sorge tra i vigneti, disegnati dalla mano dell'uomo con il massimo rispetto per l'ambiente e per la natura. L'azienda, fondata nel 1997, conta ben 145 ettari, di cui cinquanta destinati alla coltivazione della vite. Il terreno ricco di Galestro (roccia scistosa) e di Alberese (substrato calcareo), la natura fertile ed incontaminata, il microclima mediterraneo con forte influenza marina ed una buona escursione termica giorno/notte, fanno della Maremma un terroir particolarmente votato alla coltivazione della vite. Tenuta Fertuna ha pensato per i propri ospiti ad uno speciale percorso di benvenuto in accordo con la qualità dei suoi prodotti. Oltre al tour in cantina, è possibile usufruire della splendida struttura della Villa e del bellissimo giardino che la abbraccia. Ogni eno-appassionato potrà degustare i nostri vini abbinandoli alla cucina toscana, approfondire nell'enoteca la conoscenza delle nostre etichette e godersi un momento di pace accomodandosi nella sala relax o passeggiando, con un buon calice, nel giardino all'italiana.

Come arrivare

Siamo a pochi km dall'uscita della Superstrada Aurelia GIUNCARICO


Giorni e orari di apertura: Lun-Sab 10:00 - 18:00
 
Giorni e orari visita in cantina: Lun-Sab 10:00 - 18:00
 
Degustazione di vino: si
 
Degustazione di olio: si
 
Acquisto prodotti in cantina: si
 
Acquisto prodotti online: no
 
Accessibilità disabili: si
 
Parcheggio pullman: si
 
Altri servizi offerti: Pic-nic in Vigna con degustazione dei nostri vini. TESLA Charging Station. Auto Elettriche
Persona di riferimento: Silvia Gualengi
 
Lingue parlate: Italiano, Inglese, Tedesco
 
Numero coperti: 30
 

Territorio: nei dintorni puoi trovare

 
Musei

Vetulonia, 6 km Vetulonia: antica e potente città della Dodecapoli etrusca, di cui si erano perse completamente le tracce, oggi piccolo e pittoresco borgo della Maremma con una interessantissima area archeologica. Roselle venne fondata dagli etruschi, prima del VII sec. a. C., su un colle che si affacciava sulla sponda orientale del Lacus Prilius. Questo lago marino si estendeva per circa 90 chilometri quadrati sulla piana grossetana, ma nel corso dei secoli ha subito un processo di interramento ed è praticamente sparito. Oggi ne rimane una piccolissima porzione che corrisponde alla Riserva Naturale Diaccia Botrona. Roselle godeva di una favorevole posizione geografica che le permetteva di controllare il bacino del fiume Ombrone, si svilupp? quindi molto rapidamente, a scapito dall'altro centro etrusco di Vetulonia, situata invece sulla sponda nord occidentale dello stesso lago. Roselle divenne cos? una lucumonia, ovvero una citt? stato della dodecapoli etrusca.

Monumenti

Potrete iniziare la visita dal centro storico di Gavorrano, per poi passare al Parco Minerario Naturalistico, con gli oltre cento chilometri di gallerie ed il Teatro delle Rocce nella cava calcarea. Il laboratorio di educazione ambientale La Finoria, il Castel di Pietra dove morì Pia dè Tolomei, l'insediamento etrusco di Santa Teresa, il tumulo etrusco di Poggio Pelliccia e la necropoli etrusca di San Germano. I piccoli centri di Bagno di Gavorrano, Ravi e Caldana. Il Parco Nazionale delle Colline Metallifere Grossetane. Il borgo di Montemassi e il mistero dell'affresco di Guidoriccio.

Outlet

Valdichiana Outlet

Centri Termali/Spa

Le Terme di Petriolo, poste al confine tra il territorio di Civitella Paganico e quello di Monticiano, non risultano lontane dalle città di Siena e Grosseto. Sono situate all'interno della Riserva Naturale del Basso Merse, immerse in un paesaggio collinare di stupefacente bellezza. Le antiche terme, utilizzate sin dai tempi dei romani per le benefiche proprietà curative, consistevano in una piccola stazione di cura posta sulle rive del torrente Farma. Divennero nel corso dei secoli meta prediletta di noti personaggi. Lo stesso Papa Pio II Piccolomini vi si recava frequentemente per trovare sollievo ai mali da cui era afflitto. Le acque termali di Petriolo, grazie alla cospicua presenza di idrogeno solforato, sono particolarmente indicate per chi soffre di problemi a carico del sistema respiratorio. L'acqua termale viene prelevata da delle tubature che arrivano fino a 300 metri di profondità e si riversa all'aperto alla temperatira di 40 gradi C in delle piccole pozze scavate nella roccia fino ad arrivare, attraverso una piccola cascata, alla caratteristica piscina naturale.