IV International Wine Tourism Conference

20/01/2012 arrivano in Campania 20 giornalisti e travel-blogger esteri per raccontare vini e territori della Campania Felix 2-5 febbraio 2012

arrivano in Campania 20 giornalisti e travel-blogger esteri per raccontare vini e territori della Campania Felix

 

2-5 febbraio 2012

 

Dal 30 gennaio al 2 febbraio 2012 si terrà in Italia l'International Wine Tourism Conference, la Conferenza Internazionale Turismo del Vino che ogni anno sceglie un Paese europeo per fare il punto sul mercato dell'enoturismo. Promossa e patrocinata dal Movimento Turismo del Vino e organizzata da Wine Pleasure, la IV Conferenza si terrà a Perugia dal 30 gennaio al 2 febbraio 2012 e vedrà la partecipazione di oltre 300 addetti tecnici tra giornalisti internazionali, tour operators, aziende ed amanti del mondo del vino in generale.  Il programma prevede un denso calendario di conferenze e relazioni sui più diversi temi che ruotano intorno all'enoturismo, un programma di appuntamenti, degustazioni e workshop e si conclude con un Press tour di giornalisti e blogger internazionali in una regione italiana: la regione scelta per il l'International Press Tour è la Campania.

Il viaggio stampa è organizzato dalla sezione campana del Movimento Turismo del Vino col patrocinio della Regione Campania, Assessorato al Turismo. L'obiettivo è la promozione dei territori del vino della Campania, luoghi, tradizioni gastronomiche, ricchezze ambientali e storico-artistiche. Dal 2 al 5 febbraio, 20 travel&food writer, blogger e giornalisti percorreranno le province di Avellino, Benevento, Caserta e Napoli raccontando in tempo reale suggestioni, luoghi, persone e patrimonio della Campania.

 

< Il vino e i territori del vino sono un importante volano di promozione per la nostra Regione. E' per questo che abbiamo colto con favore l'iniziativa del Movimento Turismo del Vino. Sono convinto che i giornalisti che saranno ospitati nei prossimi giorni in Campania avranno modo di apprezzare un'offerta turistica matura e competitiva. Rispetto al mondo del vino, poi, ci troviamo di fronte ad un club di prodotto già esistente nei fatti, quello dell'agroalimentare di qualità, dell'eccellenza enogastronomica, della vitivinicoltura che fa parlare di sé a livello nazionale ed internazionale>, dichiara Giuseppe De Mita, Assessore al Turismo e ai Beni Culturali  – Regione Campania

 

La scelta di prediligere giornalisti del mondo web 2.0 è motivata da una ragione precisa: il turismo eno-gastronomico produce ogni anno un volume di affari di oltre 2,5 miliardi di euro con una crescita di circa il 20% ogni anno. Secondo il IX Rapporto dell'Osservatorio sul turismo del vino su dati raccolti dal Censis sono 6,5 milioni i viaggiatori attratti dalle tipicità eno-gastronomiche locali, di questi il 30% organizza la propria vacanza/viaggio attraverso Internet. 

 

<E' una grande occasione per la nostra Regione ospitare questa importante delegazione di stampa estera, si tratta di giornalisti e blogger altamente specializzati, che racconteranno world wide la ricchezza dei nostri territori e delle nostre produzioni. Per tre giorni avranno modo di sperimentare la Campania bella, sana e operosa, esplorandone aree spesso poco note al mercato internazionale del turismo>, dichiara Daniela Mastroberardino, presidente della sezione campana del MTV.

 

Il programma del Press tour, realizzato anche con la consulenza della giornalista Donatella Bernabò Silorata esperta di Turismo e comunicazione enogastronomica della Campania, prevede la visita nei principali distretti del vino della Campania: dall'Irpinia delle tre Docg alle terre del Falerno, primo cru dell'antichità, dai vigneti del Pallagrello e del Casavecchia al Sannio beneventano, ai Campi Flegrei senza dimenticare la città di Napoli con il suo straordinario patrimonio storico, artistico e gastronomico. Tre giorni tra vigne e cantine, antichi borghi medievali e spettacolare natura di terra e fuoco, mare e vulcani alla scoperta della Campania dei cento vitigni autoctoni.  Ogni giornata vedrà un focus sulle produzioni autoctone della regione, sull'Aglianico del Taburno Docg e sulla viticoltura eroica della Costa d'Amalfi. Non mancheranno visite a siti di interesse storico artistico rappresentativi della regione.  Il Press tour ha visto l'entusiastica partecipazione di partners d'eccellenza: Tonutti, azienda di prestigio nella stampa di etichette, formidabile veicolo nella comunicazione di messaggi e dell' identità del brand, partners tecnici come The Wine Bus, gli alberghi Aquapetra Resort&spa di Telese,  Romeo hotel di Napoli e Una hotel Il Molino di Benevento, nonché della Città del gusto di Napoli che accoglierà la serata conclusiva con una grande cena degustazione dedicata all'eccellenze gastronomiche della Campania.

 

LA WINE TOURISM CONFERENCE

Occasione di affari e di incontri tra operatori, di confronto tra esperienze nei vari paesi produttori partecipanti, nonché di visite alle cantine e di degustazioni di vino, la Conferenza è un momento di riflessione e analisi internazionale sul settore dell'Enoturismo. Nella sua precedente edizione – svoltasi nella città di Porto - ha visto circa 173 delegati provenienti da oltre 30 diversi Paesi, tra cui Argentina, Austria, Brasile, Croazia, Lettonia, India e Sud Africa, 45 tour operator e agenzie di viaggio specializzati nel turismo enogastronomico (+ 30% rispetto al 2010) e ben 326 tra giornalisti, bloggers ed esperti di settore provenienti da tutta Europa e dagli Stati Uniti.

Il MOVIMENTO TURISMO DEL VINO

Il Movimento Turismo del Vino è l'associazione nazionale nata nel 1993 per aggregare le aziende vinicole che si distinguono nell'accoglienza in cantina e nelle promozione dei territori del vino. In Campania associa una cinquantina di aziende suddivise nelle cinque province della regione. L'associazione, presieduta da Daniela Mastroberadino, opera per promuovere le visite dei luoghi di produzione del vino, garantendo la salvaguardia dell'ambiente e dell'agricoltura di qualità, e si pone quale promotore di uno stile di vita il più possibile naturale, che metta l'ospite al centro dell'attenzione. L'evento più importante, divenuto vero e proprio modello di promozione enoturistica nel mondo, è stato e resta Cantine Aperte, la formula che ha aperto le porte delle aziende vitivinicole al mondo degli enonauti, facendo conoscere il mondo del vino, i territori, le strade della nostra regione e creando un movimento in Italia di oltre un milione di appassionati, cresciuti esponenzialmente anche in Campania: dalle poche centinaia di turisti degli inizi agli oltre diecimila delle ultime edizioni.

Organizzazione e ufficio stampa:

Dipunto studio s.r.l.

www.dipuntostudio.it tel. 081 681505
 

International Press Tour, 2 – 5 febbraio 2012.

IL PROGRAMMA GIORNO PER GIORNO 

I GIORNO: alla scoperta dell'antico Sannio

8.00 -  Partenza da Perugia in bus turistico con destinazione Campania, Castel Campagnano (351km). Arrivo previsto ore: 12. Sosta alla Cantina Terre del Principe, l'azienda di Manuela Piancastelli e Peppe Mancini, a cui si deve la riscoperta dell'antico vitigno pallagrello. Degustazione in azienda di prodotti tipici e dell'ottima mozzarella locale. www.terredelprincipe.com

14.00  - Trasferimento a Sant'Agata dei Goti, visita dell'antico borgo medievale con sosta a Palazzo Mustilli e visita alle antiche scavate nel tufo millenario. Sant'Agata dei Goti è uno dei borghi più belli d'Italia, costruito su uno sperone tufaceo tra due corsi d'acqua conserva intatto il proprio centro storico con strade lastricate, bei palazzi, chiese e cortili silenziosi. Nel cuore del paese c'è il settecentesco palazzo Mustilli, viticoltori da 5 generazioni: incontro con Leonardo Mustilli, ingegnere e vignaiolo che negli anni Sessanta ha riportato in vita la Falanghina, l'uva gentile a bacca bianca da cui l'omonimo vino. Visita alle suggestive cantine dell'azienda scavate nel tufo millenario (www.mustilli.com). Sant'Agata dei Goti è altresì nota per la mela annurca, una varietà tutta campana a marchio Igp, unica per proprietà organolettiche, maturata a terra nei caratteristici melai.

17.00 - Trasferimento a Telese, sistemazione presso il Resort Aquapetra: tempo libero. Aquapetra, nato da un borgo rurale in pietra, è oggi un magnifico resort con Spa, piscina e ottimo ristorante. www.aquapetra.com

20.00 - Cena e pernottamento presso Aquapetra con presentazione del territorio dell'Aglianico del Taburno e degustazione di vini a cura delle aziende locali.

 

II Giorno: l'Irpinia delle Docg

8.30 - Prima Colazione

9.00  - Partenza da Telese per la regione dell'Irpinia, provincia di Avellino (73 km)

10.30  - In bus percorriamo i territori delle grandi Docg della Campania: il Taurasi Docg, il Greco e Fiano di Avellino. Arrivo alle cantine Mastroberardino (www.mastroberardino.com), incontro con Piero Mastroberardino, verticale di Taurasi.

12.30  - Arrivo alla Cantina Feudi di San Gregorio (Sorbo Serpico): visita all'azienda, tra le più grandi realtà della Campania, unica per design e architettura. Pranzo al ristorante dell'azienda Marennà con lo chef Paolo Barrale, 1 stella Michelin (www.feudi.it)

15.30 -  Visita al Borgo di Montefusco, borgo che entrò prepotentemente nella storia con i Normanni e per secoli visse un periodo aureo fino, ai primi dell'Ottocento. Il nuovo governo francese per esigenze di razionalizzazione delle Provincie decise che Montefusco era ormai un luogo scomodo e piccolo per ospitare la sede di una grande provincia, freddo e inaccessibile durante l'inverno. Quelle qualità militari che ne avevano fatto la fortuna nel Medioevo e durante tutta l'Età Moderna non erano ritenute più utili in un'epoca di sviluppo e innovazione, così, sprezzanti di un'antica tradizione secolare che era cominciata già nel Duecento, l'8 agosto 1806 fu votata a Napoli una legge che trasferì la sede del Principato Ultra nella più decentrata ma pianeggiante Avellino.

A seguire visita alla Cantina Terredora, nel 2004 segnalata da Wine Spectator, la bibbia  mondiale del mondo del vino, fra le 50 cantine al mondo che ogni appassionato di vino dovrebbe conoscere. Daniela Mastroberardino, vicepresidente nazionale del Movimento Turismo del Vino, guiderà la verticale di una delle docg:  Greco di Tufo o Fiano di Avellino, considerati vini bianchi emblema della Campania nel mondo. (www.terredora.com)

18.00 - Trasferimento a Benevento (30 km) e sistemazione in hotel. 

20.00 - Cena e pernottamento all'Una Hotel Il Molino, nato dal restauro dell'antico pastificio Rummo (www.unahotels.it) All'interno dell'hotel il ristorante Le Macine condotto dallo chef Angelo D'Amico è tra le più interessanti realtà gastronomiche del territorio.

La cena sarà occasione per conoscere e degustare i grandi vini della provincia di Salerno: dalla viticoltura eroica della Costa d'Amalfi alle produzioni del Cilento.

 

III Giorno: nelle terre dei due golfi, tra Napoli e Pozzuoli

8.30 -             Colazione in hotel

9.00  -  Trasferimento in Bus verso l'Ager Falernum con destinazione Cellole.

L'Ager Falernum è il territorio attualmente ricadente nella provincia di Caserta decantato dai Romani perché qui si produceva il leggendario Falerno, il primo cru dell'antichità, il vino degli Imperatori Romani.

10.30- 13.00 Azienda Villa Matilde, visita all'azienda e degustazione in cantina di prodotti del territorio e Falerno Rosso e Bianco. (www.villamatilde.it). Accolti dai fratelli Mariaida e Salvatore Avallone ascolteremo la storia della rinascita del Falerno e della sua diffusione nel mondo.

13.30 Trasferimento in bus verso i Campi Flegrei . Arrivo previsto ore 14.30.

I Campi Flegrei sono un comprensorio a nord di Napoli costituito da circa 40 antichi vulcani, territorio di grande fascino naturalistico, storico e archeologico, con luoghi di particolare interesse come l' Anfiteatro Flavio, l'Acropoli di Cuma, le Terme di Baia, il Tempio di Serapide. Per la sua natura vulcanica, su tutto il territorio allignano vigne antichissime a piede franco da cui nascono vini rinomati nel mondo.

15.30  -  Visita delle cantine Grotta del Sole della famiglia Martusciello (www.grottadelsole.it)

17 -  Rientro verso Napoli e sistemazione all'hotel Romeo, nuovo cinque stelle dal design innovativo (www.romeohotel.it) di fronte al porto della città.

18-19.30 Tempo libero

20.30 - Cena di arrivederci presso La Città del gusto di Napoli – Gambero rosso (www.cittadelgusto.it): degustazione di pizza del maestro pizzaiolo Michele Leo e degli chef resident con prodotti tipici della Campania. Banco di assaggio di tutti i vini delle aziende aderenti al MTV. Musica della tradizione partenopea.  La Città del gusto, nata nel 2008 come propaggine campana del Gambero Rosso, scuola di cucina sia amatoriale che professionale, centro di formazione ed educazione alimentare, laboratorio di idee ed eventi cultural gastronomici di alto livello.

IV giorno: partenza

 




regione Campania