BOSCO DEL MERLO si presenta rinnovata a VINITALY

07/04/2013 Nuove bottiglie, nuove etichette e ancora pi

I fratelli Paladin, alla Guida dell'omonimo gruppo cui appartiene questa azienda-giardino ai confini tra Veneto e Friuli, hanno voluto ripartire da essenzialità, eleganza e struttura, tre concetti che ben definiscono sia le qualità organolettiche dei vini Bosco del Merlo sia, in senso più lato, l'azienda stessa.
E questi tre termini, così semplici e così pregnanti - essenzialità, eleganza, struttura - si riflettono nelle nuove bottiglie, più importanti delle precedenti, con una spalla ben disegnata, che si impone snella e fiera insieme.
Si riflettono altresì nella scelta di un'etichetta al contempo moderna e classica. Perché i vini Bosco del Merlo si meritano un nuovo e così ricercato vestito?
Perché continuano a crescere in un'azienda che non smette di guardare al futuro pur avendo alle spalle ormai tre decenni abbondanti di esperienza, se non vogliamo abusare del termine tradizione. Perché vogliono rafforzare un'identità di marchio a partire dalle proprie radici, esprimendo il proprio 'essere vino'.
Perché l'etichetta è lo specchio dell'anima del vino.
Lucia Paladin esprime la propria soddisfazione 'Volevamo darci un'immagine di linea più moderna e internazionale, più riconoscibile, valorizzando insieme la nostra identità. Non è stato facile, ci sono voluti mesi, tanti tentativi e tanti scambi di idee e confronti. Sono convinta che abbiamo ottenuto un grande risultato. È stato un lavoro importante compiuto per dei vini importanti e il mercato premierà sicuramente questa scelta perché questa immagine ci appartiene.'
E sotto il vestito? La qualità di sempre, sempre ricercando il meglio. Di questi giorni la notizia di una nuova medaglia d'oro per il Sauvignon Turranio 2011, al Berliner Wein Trophy, che va ad aggiungersi a un palmares di tutto rispetto.
Vi aspettiamo allo stand E6 Padiglione 4 (Veneto) a Vinitaly, oppure in sede, ad Annone Veneto per ammirare e degustare i vini Bosco del Merlo nonché le produzione delle altre tre cantine della famiglia Paladin, ovvero Paladin, Vèscine (Chianti Classico) e Castello Bonomi (Franciacorta).

PS: I vini interessati dal restyling sono il Sauvignon Turranio, il Lison Classico Juti, lo Chardonnay Nicopeja, il Pinot Grigio Tudajo, il Merlot Campo Camino, il Cabernet Sauvignon Nono Miglio, il Prosecco Millesimato Brut. Restano fedeli all'immagine storica i cru aziendali ovvero Roggio dei Roveri, 360 Ruber Capite, Vineargenti, Prinè e Soandre.

 




Casa Paladin