Dal Quirinale alla videochat del Tg1, la settimana “romana” di Donatella Cinelli Colombini, fondatrice del Movimento Turismo del Vino

11/03/2015 Settimana “romana” per la Signora del Brunello Donatella Cinelli Colombini. Dopo esser stata invitata al Quirinale, per la Festa della Donna, dal Capo dello Stato Sergio Mattarella, mercoledì 11 marzo, è stata ospite di Anna Scafuri, nella videochat “Italia a Tavola” del Tg1...

Sicuramente, c'è ancora di più da chiedere ad una donna la cui “vita” non racconta solo il vino, e le sue mille sfaccettature, ma anche le cause sociali, l’italian style e la capacità di essere, sempre, antesignana di mode, tendenze e processi di sviluppo virtuosi.

Era il 1993, infatti, quando l’associazione Movimento Turismo del Vino Italia - che oggi conta 1.000 cantine - prese vita proprio a Montalcino, per mano della Signora del Brunello, Donatella Cinelli Colombini, con l’obiettivo di promuovere la cultura del vino, portare sempre più turisti in cantina per far conoscere l’attività delle aziende, offrire un esempio di come si può fare impresa nel rispetto delle tradizioni, della salvaguardia dell’ambiente e dell’agricoltura di qualità. Un lavoro, che a partire da un’idea di Donatella Cinelli Colombini, il Movimento Turismo del Vino porta avanti da più di vent’anni con passione, costanza, dedizione e risultati tangibili, tanto che è stato riconosciuto anche dal Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, che spesso ha sottolineato come l’enoturismo, con i 4 milioni di persone che ogni anno visitano le cantine, siano un fenomeno che va oltre il dato economico.

E se questo è il fiore all’occhiello della signora del Brunello, a cui si potrebbero aggiungere le tante onorificenze che ha guadagnato, con il lavoro, nel corso degli anni, l’impegno concreto per la parità di genere e per lo sviluppo turistico della città del Palio, da ultimo, scopriamo anche un pezzo della sua storia di famiglia che arriva dal cuore di Roma. La famiglia materna di Donatella Cinelli Colombini, infatti, come lei stessa racconta dalle pagine del suo blog, ha lavorato al servizio del Santo Padre, per generazioni. “Gli inquilini precedenti del Quirinale erano i Pontefici e questa era una reggia - spiega Donatella Cinelli Colombini - il cortile dei Corazzieri, i corridoi coperti di arazzi medicei, la sala della cerimonia traboccante di stucchi dorati e con tre enormi lampadari di cristallo”. Una prima volta per la signora del Brunello, che è un po’ un ritorno alle origini, tanto che alla cerimonia per la festa delle donne, di scena al Quirinale, per volontà del Presidente Mattarella, c’erano anche tanti volti noti in rosa come Rosy Bindi, Susanna Camusso, Livia Turco e 300 donne di tutta Italia. “Donne per la terra” diceva il titolo dietro le spalle di Sergio Mattarella. La cerimonia è stata breve, solenne e con significati forti nelle parole delle quattro premiate in rappresentanza della difesa ambientale, della solidarietà e della ricerca.




2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002