Un anno di successi e numerosi riconoscimenti internazionali per i vini di Terracruda, socia del Movimento Turismo del Vino Marche

20/10/2015 L’azienda vitivinicola di Fratte Rosa ha collezionato numerosi riconoscimenti internazionali...

Un’azienda giovane che ha fatto della qualità il suo fiore all’occhiello, puntando solo sui vitigni autoctoni, e che in pochi anni è riuscita ad affermarsi tra le migliori cantine delle Marche. Lo testimoniano i numerosi riconoscimenti internazionali che l’azienda vitivinicola Terracruda ha collezionato nelle più prestigiose competizioni europee.

Una scommessa vinta per Zeno Avenanti, che insieme agli enologi Giancarlo Soverchia e David Soverchia, ha dimostrato che anche vitigni poco noti, come il Bianchello del Metauro e l’Aleatico di Pergola, possono raggiungere l’apice della qualità: “Quando ho fondato Terracruda i miei amici pensavano che la sfida fosse troppo ardua – racconta Avenanti -, ma noi ci abbiamo creduto fino in fondo ed ora i fatti dimostrano che ci abbiamo visto giusto. I risultati ottenuti rappresentano un orgoglio per l’intero territorio che sta vedendo una crescita in termini di qualità di tutte le aziende produttrici”.

Già lo scorso anno Terracruda si era distinta conquistando prestigiosi riconoscimenti, ma nel 2015 l’azienda vitivinicola di Fratte Rosa ha raggiunto ottimi risultati aggiudicandosi 1 medaglia d’oro, 4 medaglie d’argento e 5 medaglie di bronzo. Oro all’International Wine Challenge di Londra, con il top di gamma della Doc Bianchello del Metauro, che è si è piazzato tra i migliori nove vini bianchi italiani, e tra i 4 migliori vini bianchi marchigiani, secondo l’IWC. Una competizione tra le più meticolose: ogni vino è sottoposto ad un rigoroso processo di giudizio, assaggiato tre volte da dieci diversi giudici, in una degustazione alla cieca; in cui non si conosce né la provenienza né il produttore, a garanzia di un giudizio del tutto obiettivo. Il “Campodarchi” selezione oro Bianchello del Metauro Doc Superiore, annata 2012, ha poi conquistato due medaglie d’argento all’Awc International Wine Challenge di Vienna e al Concorso Internazionale di Lione.

Grandi soddisfazioni anche con la Doc Pergola prodotta con uva Aleatico. Il “Lubaco” Pergola Doc Aleatico Superiore, annata 2011 e 2012, è stato premiato con l’argento al Concorso Mondiale di Bruxelles e al Concorso Internazionale di Lione; con il bronzo al Decanter World Wine Awards di Londra e all’Awc International Wine Challenge di Vienna. Un altro vino di punta dell’azienda, “Ortaia” Pergola doc Aleatico Superiore annata 2012, ha conquistato il bronzo al Challenge International du Vin di Bourg, a Bordeaux.

La terza doc prodotta da Terracruda, il Colli Pesaresi Sangiovese, si è distinta in ambito internazionale, e non solo, aggiudicandosi la medaglia di bronzo al Decanter World Wine Awards di Londra con il “Profondo” 2012 Riserva, e il bollino rosso, che identifica i vini di pregevole fattura, al Merano Wine Award con l’Olpe.

La presenza dei vini Terracruda nelle migliori guide italiane, tra cui i Vini d’Italia del Gambero Rosso, Vini Buoni d’Italia, Guida Oro I Vini di Veronelli, Bibenda, Annuario dei migliori vini italiani di Luca Maroni, completano il quadro di successi.

Nella foto: Zeno Avenanti con la moglie Maria Adele Berti, a sinistra il figlio Luca Avenanti e a destra la nipote Emma Berti, socia dell'azienda di famiglia.




2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002