PARTE LA CROCIATA PER DIFENDERE I VINI E I VITIGNI AUTOCTONI ITALIANI

12/06/2003

Sono unici e hanno nomi curiosi: Gamba di Pernice, Pigato, Schiava, Sciaglin, Vitovska, Colorino, Vernaccia di San Giminiano, Sagrantino, Magliocco, Canino, Frappato... nomi che, letti uno di fila all'altro suonano quasi come un'arcana formula magica e che, in verità, sono preziosi indicatori di profumi e gusti inimitabili. Tutto questo sono i vini ed i vitigni italiani antichi ed autoctoni, la nuova frontiera dell'enologia tricolore.
Partendo dal desiderio di salvaguardare e promuovere questa immensa biodiversità ...ricchezza che tutto il mondo ci invidia ...è stato fondato recentemente a Gorizia (una città di confine e di scambio culturale dalla spiccata vocazione vitivinicola) il Comitato "Vinum Loci" che ha avuto il suo battesimo ufficiale nel prestigioso Circolo della Stampa di Milano giovedì 27 febbraio. Alla presentazione milanese, impreziosita da un numeroso pubblico di giornalisti del settore, il presidente del Comitato Paolo Benvenuti (Direttore generale dell'Associazione Nazionale Città del Vino), il presidente del Comitato scientifico Attilio Scienza (Docente ordinario di Viticoltura all'Università degli Studi di Milano) ed il segretario generale di "Vinum Loci" Maurizio Tripani (Direttore di Gorizia Fiere) hanno evidenziato il fine ed i progetti futuri del Comitato: "Il grande patrimonio dei vitigni antichi ed autoctoni italiani si sta inesorabilmente erodendo con il risultato di perdere definitivamente anche quell' eccezionale patrimonio genetico che tutto il mondo ci invidia". Hanno detto: "Questi portatori di geni unici ed irripetibili sono sempre più a rischio di estinzione e, pensando a tutto ciò, è nato il Comitato "Vinum Loci" il quale, oltre a creare un archivio dei vitigni di cui si ha ricordanza nei diversi territori italiani, vuole unire in questa crociata tutti coloro che sono interessati a salvaguardare questa ricchezza e, lavorando tutti insieme, associazioni e università, organismi pubblici e aziende private, trasformare queste silenti riserve di geni custodite in laboratori o disperse per le campagne italiane in un volano per far conoscere un solo gusti e profumi unici ma anche territori altrettanto eccezionali".

I promotori del Comitato "Vinum Loci" sono Gorizia Fiere, Associazione Nazionale Città del Vino, Slow Food, Movimento Turismo Vino, Dipartimento di Produzione Vegetale della Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Milano, Facoltà di Agraria dell'Università degli Studi di Udine, Il Gastronauta, Club Papillon, Pro-Vites, Ersa-Agenzia Regionale per lo Sviluppo Rurale del Friuli Venezia Giulia. Il sostegno finanziario è dato dalla Banca FriulAdria - Gruppo Bancaintesa.
Tramite le preziose informazioni che stanno già arrivando dai Comuni aderenti all'Associazione Nazionale Città del Vino (dei circa 500 centri già più un centinaio ha risposta all'appello), i promotori, come primo passo, stanno catalogando le varietà autoctone esistenti sul territorio ed a rischio di estinzione, al fine di "mappare" la biodiversità della piattaforma ampelografica italiana individuando in essa le varietà caratterizzate dal più alto potenziale qualitativo. Ciò è importante non solo dal punto di vista scientifico, ma è anche nell'interesse delle aziende partecipanti, le quali si prefiggono di diversificare la propria produzione, per distinguersi anche sul mercato con una valida proposta commerciale basata sull'utilizzo dei migliori vitigni antichi e autoctoni emergenti dal progetto. Dopo la mappatura il progetto continuerà con l'analisi dei dati raccolti e l'individuazione delle varietà più interessanti che saranno adottate dalle aziende le quali ne diventeranno amorevoli custodi. Terminato lo studio della caratterizzazione ampelografica e molecolare dei vitigni antici e autoctoni, passando dalla teoria alla prassi, queste uve rare e particolari saranno trasformate in vino con la sperimentazione enologica attraverso microvinificazioni. Il progetto di "Vinum Loci" si concluderà quindi con la commercializzazione e promozione dei prodotti così ottenuti.

Ufficio Stampa:
Studio Agorà - tel. 0481 62385 fax 0481 630339 e-mail: agora@travelnews.it




2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002