PIEMONTE

26/01/2005 Rinasce il Movimento Turismo del Vino nell'Olimpo della vitivinicoltura italiana: il Piemonte

 

 

Si insedia in questi giorni ad Acqui Terme, sede di una delle 10 Enoteche Regionali del Piemonte, il Comitato Promotore del Movimento Turismo del Vino - Piemonte, formatosi nell'ambito delle relazioni nazionali fra Movimento Turismo del Vino ed Enoteca d'Italia.

 

E' il primo passo verso la ricostituzione della Delegazione regionale Movimento Turismo del Vino - Piemonte. Questa era stata recentemente esclusa dall'Associazione per l'inosservanza, da parte della precedente 'gestione', di alcune fondamentali disposizioni statutarie del Movimento Turismo del Vino nazionale.

 

Si è costituito un nuovo Comitato coordinato da Chiara Soldati dell'azienda La Scolca.  Il Comitato si è posto il compito di eleggere, entro tre mesi, un presidente vignaiolo e un Consiglio che agisca per il recupero dei crediti maturati dal Movimento Nazionale, e rappresenti presso le istituzioni locali proposte e progetti finalizzati alla "promozione della cultura del vino e alle visite nei luoghi di produzione del vino per accrescerne il prestigio l'immagine, creando prospettive di sviluppo economico".

 

E' questo, infatti, uno degli obiettivi principali del Movimento Turismo del Vino. A livello nazionale, esso conta quasi 1000 cantine associate e organizza eventi come il famoso 'Cantine Aperte' (nel 2005, domenica 29 maggio), Benvenuta Vendemmia, Novello in Cantina e altri. Con la formidabile intuizione di Cantine Aperte, che per l'edizione 2005 riserverà grandi sorprese e novità, da più di dieci anni il Movimento ha, appunto, 'aperto' la realtà produttiva di 1000 cantine italiane, e ha accompagnato di pari passo ...anzi, stimolato ...la crescita complessiva del settore. Si è così generato un circolo virtuoso, che, partendo dalla fidelizzazione dell'ospite e del consumatore, determina un grande ritorno di immagine ...e di vendite ...per il vino italiano.

 

E in una regione come il Piemonte, capofila in Italia per qualità e blasone dei suoi vini (all'85% doc e docg), con 10 enoteche regionali e oltre 300 cantine visitabili, questo primo passo verso la rifondazione della delegazione del Movimento Turismo del Vino è di fondamentale importanza per l'enoturismo (2,5 miliardi di euro di giro d'affari e 3,5 milioni di visitatori) e per tutto il 'sistema vino' nazionale.

"Salutiamo la nascita del Comitato con grande soddisfazione e contiamo molto sui risultati che potrà ottenere per riavere con noi una regione importante come il Piemonte" , dichiara in proposito Francesco Lambertini, presidente nazionale del Movimento Turismo del Vino.

 

 

 

 

26 gennaio 2005, Ufficio Stampa Movimento Turismo del Vino

STUDIO DI GIORNALISMO, tel. 051.391740, info@studiobottonelli.it




2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002