Cantina Aperte 2008: Enoturisti sempre più consapevoli

26/05/2008 Anche l'edizione 2008 di "Cantine Aperte" è stata un successo che ha portato per cantine, alla scoperta del patrimonio vinicolo locale, oltre un milione di enoturisti attratti dai vini presentati dalle oltre 800 aziende che hanno aderito all'iniziativa.

Anche l’edizione 2008 di “Cantine Aperte” è stata un successo che ha portato per cantine, alla scoperta del patrimonio vinicolo locale, oltre un milione di enoturisti attratti dai vini presentati dalle oltre 800 aziende che hanno aderito all’iniziativa.
Complice il bel tempo in quasi tutta Italia e il crescente interesse per il buon vino, le presenze in cantina sono complessivamente aumentate rispetto all’anno scorso, arrivando, in alcune regioni ad un incremento intorno al 20%.
La giornata di festa dedicata al vino, che si ripete ormai da sedici anni nelle cantine del Movimento Turismo del Vino, ha confermato la tendenza già evidenziata dalla passata edizione rispetto al target di visitatori. Ad accogliere l’invito delle cantine anche quest’anno sono stati per lo più giovani tra i 25 e i 35 anni, con gioia definiti dai produttori degli “enoturisti consapevoli” interessati non solo a bere del buon vino, ma anche a conoscerne le proprietà e la storia. Una novità, rilevata in quasi tutte le regioni, è l’aumento di presenze femminili, che si attesta, in media, intorno al 40% delle presenze totali.

A giudicare dai risultati del concorso Un giorno diVerso by Negroni, gli enoturisti sono anche provetti poeti. Oltre 500 gli sms in rima inviati nella giornata di domenica e molti altri nei giorni immediatamente successivi da altrettanti visitatori ispirati, nella speranza di vincere uno dei meravigliosi week-end messi in palio e la fornitura di salumi Negroni. La giuria di esperti chiamata a giudicare le poesie pervenute si pronuncerà entro il 31 Luglio prossimo, quindi si invitano tutti coloro che hanno inviato l’sms a consultare in quella data il sito www.movimentoturismovino.it, per scoprire i nomi dei vincitori.

Particolarmente apprezzata, da parte degli enoturisti, l’accoglienza offerta dalle cantine, dove le attività sono state molteplici e variegate, tutte all’insegna di una maggiore e più approfondita conoscenza del vino ma anche del lavoro che sta dietro ad ogni singola bottiglia. In tutte le cantine si è registrato il tutto esaurito sia in termini di degustazioni di vino che di prodotti tipici in abbinamento. Successo notevole anche per gli assaggi di salumi Negroni che, in alcune rinomate cantine, hanno accompagnato l’ottimo vino locale.

Complessivamente, dunque, l’edizione 2008 di Cantine Aperte ha confermato il successo della formula, che portando i consumatori a conoscere più da vicino il vino, fa si che essi diventino di anno in anno più attenti e desiderosi di qualità sia in termini di prodotto che di accoglienza.
“Non è un caso che, proprio da quest’anno –precisa la Presidente del Movimento Turismo del Vino Chiara Lungarotti- abbiamo avviato in concomitanza con Cantine Aperte l’iniziativa Sabato On Wine, che moltiplica le occasioni di apertura delle nostre cantine, così che i turisti possano sempre più spesso vedere ciò che bevono. L’obiettivo che ci proponiamo come Movimento è soprattutto di creare una “cultura del vino”, educare i giovani ad un consumo sano e corretto del vino e, al contempo, insegnare a distinguere il vino di qualità”
 
Cantine Aperte 2008, Regione per regione…

Abruzzo: Confermato il successo del 2007, con un aumento delle presenze da fuori regione rispetto alla stessa edizione. Confermata anche la tendenza alla partecipazione soprattutto da parte dei giovani tra i 25 e i 35 anni.  Complessivamente le 44 cantine abruzzesi aderenti a Cantine Aperte hanno registrato ben 40mila visitatori.

Basilicata: Anche la Basilicata ha registrato un forte aumento delle presenze, soprattutto in considerazione della massiccia provenienza degli enoturisti dalle regioni limitrofe, che hanno voluto provare, per questa volta, i vini lucani e hanno approfittato della giornata per una visita alle bellezze artistiche locali.

Calabria: Oltre 5.000 le presenze registrate nelle cantine che hanno aderito all’iniziativa, con un incremento dei visitatori da fuori regione. Soddisfazione, dunque, per i viticultori calabresi che hanno visto aumentare l’interesse sia nei confronti della loro produzione che dell’offerta turistica regionale nel suo complesso.

Campania: Cantine Aperte ha rappresentato per la Campania un’occasione d’oro per valorizzare la produzione enologica di qualità della regione. Un folto pubblico ha mostrato di apprezzare l’iniziativa messa in piedi dal Movimento del Turismo del Vino regionale campano, sia nella giornata di sabato che ha avuto il suo momento cruciale con l’inaugurazione a Castel dell’Ovo, sia in quella di domenica. Giovani soprattutto, ma anche le famiglie hanno approfittato della “festa del vino” per lasciare le città e trascorrere una giornata di relax, gustando buon vino e golosità tipiche.

Emilia Romagna
: Aumento di presenze in Emilia Romagna rispetto al 2007 e conferma del trend di visitatori da fuori regione. Anche in questo caso, i giovani consumatori fanno la parte del leone e, se da una parte, comprano meno, tuttavia si muovono in massa, quindi complessivamente anche le vendite di vino in cantina registrate per questa edizione di Cantine Aperte ha registrato un aumento intorno al 10%. Insomma, i produttori dell’Emilia Romagna sono soddisfatti dell’andamento della manifestazione che di anno in anno dimostra sempre più appeal verso il pubblico.

Friuli Venezia Giulia : Cantine Aperte fa l’en plein di enoturisti con oltre 200.000 presenze e riscuote il successo di un pubblico affezionato ed interessato, che da sedici anni a questa parte non smette di premiare le cantine associate al Movimento Turismo del Vino Fvg e la loro splendida accoglienza. Si conferma il trend positivo degli ultimi anni, che vede la crescenza costante di pubblico da fuori regione, in prima linea i connazionali provenienti dal Triveneto e dal centro Italia
Ad animare Cantine Aperte in Friuli Venezia Giulia sono stati anche i conduttori del programma radiofonico di Radio Rai Decanter, i popolarissimi Fede e Tinto, testimonial dell’iniziativa di MTV Sabato On Wine. Giunti in regione il sabato sera. Fede e Tinto hanno poi seguito in diretta lo svolgimento dell’evento.

Lazio: Grande soddisfazione per i produttori di vino laziali che hanno visto giungere nelle loro aziende il 15% in più di turisti rispetto la scorsa edizione. Molte le famiglie presenti, attratte non solo dal buon vino e l’ottima ospitalità delle cantine, ma anche dalle numerose iniziative organizzate in loco, rivolte in particolar modo ai più piccoli che hanno potuto così attendere i genitori buongustai divertendosi in compagnia. L’edizione 2008 di “cantine Aperte” ha decretato che il Lazio è una regione “in rinascita” in termini di produzione vinicola, infatti tanti sono stati i nuovi prodotti presentati per l’occasione e subito graditi.   

Liguria: il tempo non è stato favorevole alle scampagnate in Liguria, ma ciò nonostante, si confermano discrete presenze nella cantine della regione aderenti all’iniziativa.

Lombardia
: In Lombardia la parte del leone l’ha fatta la zona della Franciacorta, dove le presenze hanno registrato un vero e proprio boom, decisamente in aumento rispetto alla passata edizione. Bene anche nelle altre terre a vocazione vinicola della regione, soprattutto nell’Oltre Po’ pavese e nelle località intorno al Lago di Garda. Le cantine lombarde confermano che laddove sono state realizzate attività collaterali alla semplice degustazione di vino si è registrato un maggior successo dell’iniziativa, a testimonianza che l’enonauta va alla scoperta del buon vino ma anche del territorio.

Marche: ennesimo successo per questa edizione di Cantine Aperte nelle Marche, soprattutto nella giornata di domenica ma anche per le iniziative del sabato. Si riconferma l'aumento dei giovani e delle donne che hanno mostrato interesse verso il vino.
7000 i bicchieri venduti nelle cantine della regione

Molise: Le cantine molisane che hanno aderito a Cantine Aperte hanno registrato un aumento minimo di presenze, vedendo però notevolmente aumentata la qualità dei propri enoturisti. Tra le novità di quest’anno un incremento di giovani che hanno deciso di passare una giornata in cantina alla scoperta dei vini e i sapori locali. Apprezzate le cene e i pranzi organizzati in azienda e soprattutto i prodotti Negroni che sono stati letteralmente presi d’assalto.

Piemonte
: Clima freddo e pioggia non sono riusciti a fermare gli enoturisti in visita alle cantine del Movimento Turismo del Vino Piemonte nella giornata dedicata a “Cantine Aperte”. Nella mattinata di domenica 25 maggio infatti appassionati, gruppi organizzati ma anche famiglie al completo si sono dedicati alle visite in cantina e hanno potuto degustare oltre ai vini offerti dalle aziende anche alcune selezioni di prodotti locali tipici. Bilancio della giornata sicuramente positivo per il Piemonte.

Puglia : Particolarmente soddisfatti i proprietari delle cantine pugliesi, dove si è registrato un vero boom di presenze, un aumento che in alcuni aziende ha addirittura toccato il 20% in più rispetto dell’edizione 2007. Anche qui l’età degli amanti del divin nettare si è abbassata, ma l’importante – come sottolineano dalla presidenza del MTV Puglia – è aumenta la qualità dei presenti, più attenti ed interessati ad un prodotto di qualità. Un successo reso possibile anche dalle numerose iniziative proposte su tutto il territorio regionale che ha voluto esaltare il binomio vino – musica classica, ma anche vino – olio extravergine d’oliva, un’altra eccellenza pugliese.

Sardegna: Nonostante in tutta l’assolata regione abbiano aderito a Cantine Aperte solo tre aziende produttrici di vino, gli eno-turisti si sono ben organizzati e, armati di pazienza e palati da intenditori, hanno raggiunto i luoghi del buon bere. Bene infatti le presenze che hanno lasciati soddisfatti gli organizzatori che sicuramente decideranno di bissare l’esperienza il prossimo anno, magari coinvolgendo altre aziende vinicole.

Sicilia
: Complice anche il bel tempo, la manifestazione in Sicilia ha riscosso ottimi risultati lasciando particolarmente soddisfatti pubblico e produttori che hanno potuto far conoscere al grande pubblico i propri prodotti. A far ben sperare per il futuro il crescente interessamento dei presenti che non si sono limitati a degustare vino, ma sono stati particolarmente interessati dalle visite guidate con tanto di spiegazioni tecniche organizzate da ciascuna singola azienda vinicola. Buona la presenza delle famiglie che hanno deciso di trascorrere una piacevole giornata all’aria aperta in compagnia dei propri cari.

Toscana
: affluenza degna di una delle regioni dove il vino regna sovrano. A tenere alta l’attrattività le terre del Chianti, che si confermano punte di diamante della regione. L’enoturista anche qui si è mostrato più attento e scrupoloso, intenditore di qualità anche nell’acquisto. Tra le novità la presenza di molti turisti stranieri, anche in considerazione della coincidenza della giornata di Cantine Aperte con il Corpus Domini.

Umbria : Bene anche l’affluenza in Umbria. Tanti i visitatori che sono andati ala scoperta dei luoghi dove nascono i migliori vini locali. Passeggiate tra i vigneti, a piedi, a cavallo, in jeep e in elicottero! Un trionfo di gusto e piacere che ha visto aumentare, anche in questo caso, il livello dei visitatori più attenti al prodotto consumato. Particolarmente apprezzata anche “ A Cena con il Vignaiolo”, la partecipata anticipazione di “Cantine Aperte”, che si è svolta il giorno prima del grande evento. Non solo gusto ma anche solidarietà nelle cantine umbre con l’iniziativa “Un bicchiere per la vita” il cui ricavato è stato interamente devoluta all’associazione Daniele Chianelli, da sempre impegnata nel sostegno dei malati di leucemia e delle loro famiglie.

Valle d’Aosta: Un’ottima annata in tutti i sensi per le 23 aziende che hanno aperte le proprie porte agli amanti del vino. Confermato il trend positivo delle scorse edizioni.

Veneto
: “Estremamente soddisfatti”, così si dichiarano i produttori veneti che hanno aperto al grande pubblico le proprie cantine. Cantine Aperte in Veneto quest’anno ha attratto più intenditori del solito che hanno ben gradito le cene e i pranzi in cantina, le degustazioni e le passeggiate tra i vigneti.




SEDICIEVENTI – Ufficio Stampa Movimento Turismo del Vino
V.le Centova, 6 – 06128 Perugia
Tel.: 075/5025890 - fax : 075/5025889 ufficiostampa@sedicieventi.it
Maria Luisa Lucchesi 331 5849909 – 328 0368578
Viola Menicali 349 2826305
 




2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002