PRESENTATO AL VINITALY IL DECALOGO DELL'ACCOGLIENZA

21/05/2002

Il lavoro che il Movimento Turismo del Vino ha portato avanti in tutti questi anni ha come filo conduttore la fedeltà ad un impegno, quello nei confronti dei turisti del vino che nutrono precise aspettative nei confronti della visita in cantina e dell'incontro con il vignaiolo. È questo il presupposto che anima il Decalogo dell'Accoglienza, il documento emanato dal Movimento Turismo del Vino e certificato dalla società CSQA, che nasce proprio dall'esigenza di qualificare l'offerta turistica delle aziende vitivinicole associate. Il Decalogo dell'Accoglienza si pone dunque autorevolmente quale sinonimo di professionalità dell'accoglienza e sarà infatti rappresentato da una speciale etiquette riportata nel logo. E il valore di questo documento risiede proprio nella sua natura di "sigillo di garanzia", strumento da cui, ci auguriamo, nascerà quella sana competizione fra le aziende che porterà ad accogliere sempre meglio e offrire sempre di più. Sono stati i vignaioli ...chi meglio di loro? ...a suggerire, sulla base della loro concreta esperienza, i criteri da adottare per identificare una vera "accoglienza coi fiocchi". Un impegno condiviso anche da Coop Italia che, coerentemente con il percorso di valorizzazione dei presidi di prodotti tipici avviato con Slow Food, ha creduto in questo progetto sostenendo il principio dell'accoglienza di qualità quale condizione imprescindibile per una concreta ed efficace promozione del territorio. Perché il progetto di valorizzazione del territorio rurale passa anche da qui.




2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002