Importante riconoscimento per il settore vinicolo: nasce il “Fiano delle Puglie”

24/01/2013 Costituito il Comitato promotore della Dop, e fra i fondatori spicca il Movimento Turismo Vino Puglia

È stato sottoscritto proprio in questi giorni, dai produttori vitivinicoli riuniti per l’occasione presso la sede dell’assessorato regionale alle Risorse Agroalimentari alla presenza dell’assessore Dario Stefàno e un notaio, l’atto costitutivo del Comitato promotore della Dop “Fiano delle Puglie”. Anche la Puglia avrà così la sua Denominazione di Origine Protetta per il Fiano, il celebre vitigno che sembra sia stato introdotto in Puglia dagli angioini nel dodicesimo secolo.
"Quella di oggi - ha dichiarato Dario Stefàno, al momento della definizione dell'atto costitutivo - è una data importante per il nostro settore vitivinicolo, poiché parte un ulteriore progetto improntato alla qualità intorno ad uno dei vitigni storici e più antichi della Puglia. Con questa iniziativa rafforziamo il disegno regionale di aggregazione delle Doc Pugliesi che abbiamo avviato con l’obiettivo di ridurne il numero, raggruppandole attraverso poche Doc ombrello intorno ai vitigni autoctoni pugliesi. Non ci appassiona, infatti, tanto il discorso dei numeri, appuntarci “un’altra medaglia al petto” e quindi avere una DOC in più - continua Stefàno - quello che più ci ha convinto nell’intraprendere questo impegno è il fatto di legare ad un elemento fortemente identitario della Puglia, del nostro terroir, della nostra storia produttiva e culturale, com’è il Fiano, un disciplinare di produzione di alta qualità. E’ un ulteriore tassello della politica di valorizzazione dei vitigni autoctoni, come elemento di appeal e di traino delle nostre etichette sui mercati nazionali ed esteri".

Fra i protagonisti di questo importante percorso c'è il Movimento Turismo del Vino Puglia, promotore della costituzione del Comitato che avrà il compito, in partnership con Assoenologi di Puglia, Basilicata e Calabria, di introdurre presso il Ministero delle Politiche Agricole, la domanda per il riconoscimento, la cui relazione tecnica è stata redatta dal prof. Antonio Calò con la collaborazione dell’Accademia della Vite e del Vino.

Presidente del comitato è stato nominato Giuseppe Palumbo amministratore delegato della cantina Tormaresca, il vicepresidente è Sebastiano de Corato della Cantina Rivera e Presidente del Movimento Turismo Vino Puglia e il tesoriere è Cosimo Varvaglione della cantina Varvaglione Vigne & Vini.
"La volontà del comitato - spiega Giuseppe Palumbo - è quella di riscoprire e valorizzare la storia di una produzione da circa un secolo riconosciuta come campana ma che, da sempre, affonda le sue radici in Puglia. La regione che in antichità faceva parte della Enotria, la terra del vino. L'avvio delle pratiche per questo riconoscimento è dettata dalla necessità di produttori, Regione Puglia e "attivisti del vino" pugliese, Movimento Turismo del Vino Puglia in primis, a riappropriarsi di questo vitigno, garantendogli il giusto spazio anche a livello formale. Insieme a Negromaro, Nero di Troia e Primitivo, ha tutte le carte in regola per diventare traino della produzione vinicola d'eccellenza pugliese".






2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002