Vinitaly, sondaggio Movimento Turismo Vino: Toscana meta preferita, ma è derby Nord-Sud tra enoappassionati

08/04/2013 C’è tempo fino al 26 maggio per votare su www.movimentoturismovino.it

É la Toscana la regione preferita dagli enoappassionati: 1 su 5 la sceglie come meta visitata più gradita, ma è anche quella con la miglior offerta enoturistica, grazie soprattutto all’accoglienza in cantina e all’ampia offerta di pacchetti promossi dalle cantine. Più a Sud invece, la Sicilia avanza e si afferma come la meta più sognata (18%) in cui andare al più presto. Sono questi i risultati della prima tranche del sondaggio del Movimento Turismo Vino, “Vota le destinazioni enoturistiche del cuore”, diffusi oggi nel corso del Vinitaly. I risultati finali saranno resi noti a consuntivo di Cantine Aperte.

Da una prima anticipazione, la Toscana (21%) vince nella classifica delle regioni vitivinicole visitate che sono piaciute di più, grazie al mix vincente tra cultura, paesaggio, ampia gamma di pacchetti (enogastronomia, benessere, sport, ecc.) e vino. Seguono la Puglia (14%) per i suoi paesaggi e il Piemonte (11%), favorito per il vino e l’ampia offerta di pacchetti (dall’enogastronomia al benessere, allo sport). A completare il “derby” nord-sud è la Campania (10%), che conquista il quarto posto anche sull’onda del successo dei suoi vini nella top 100 di Robert Parker.

Toscana, Piemonte, Puglia e Campania sono in pole position anche nella top 5 delle regioni con la migliore offerta enoturistica: con il 27% delle preferenze, la terra dei Medici e di Dante è ad oggi la favorita per numerosi fattori oltre all’unicità del paesaggio, dalla qualità dell’accoglienza in cantina all’ampia offerta integrata promossa dalle aziende. E se l’ospitalità delle cantine è la carta vincente del Piemonte, preferito dal 14% dei wine lover, in Puglia (11%) – tra le Top wine destinations 2013 secondo la rivista Wine Enthusiast – e in Campania (8%) l’unicità del paesaggio va a braccetto con l’accoglienza. Sempre con l’8% delle preferenze ci sono anche il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, scelti per l’ospitalità e l’ampia gamma di pacchetti proposti dalle proprie cantine. Quinta, a poca distanza, l’Umbria (7%) con accoglienza e unicità dei paesaggi che primeggiano tra i fattori più opzionati.

E’ il Chianti in particolare la zona che più di tutti sembra conciliare al meglio i principali fattori di successo di un territorio all’insegna dell’enoturismo (accoglienza in cantina, pacchetti, unicità del paesaggio e offerta sul web), seguito a pari merito dalle Langhe e dal Salento. Guardando invece alla classifica delle regioni più sognate, cambia lo scacchiere e spunta a sorpresa la Sicilia (18%), meta accattivante soprattutto per il paesaggio, la cultura e il clima. Resta comunque in vetta, per i suoi vini e l’ampia offerta enoturistica, la Toscana che conquista al momento un secondo posto (17% delle preferenze), scavalcando il Piemonte (14%).

Zona di antiche tradizioni e ma anche la più importante per l’enologia campana, l’Irpinia è tra i territori vinicoli emergenti più votato dagli enoappassionati per le grandi potenzialità dal punto di vista enoturistico anche se ancora poco conosciuto. Buone percentuali pure per alcune zone del Friuli Venezia Giulia, tra cui i Colli Orientali, del Veneto e del Piemonte.

In generale, nel panorama enoturistico italiano emerge la capacità di tutte le regioni MTV di saper intercettare e soddisfare la domanda degli enoappassionati sempre più alla ricerca di esperienze che al wine & food abbinino anche altre forme complementari di turismo. Rimane invece da colmare e potenziare l’offerta sul web che ad oggi non si delinea ancora tra i principali fattori scelti dai wine lover nell’individuare la meta enoturistica del cuore. Per partecipare al sondaggio c’è tempo fino al 26 maggio: basta andare sul sito www.movimentoturismovino.it.




2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002