Vino, il parlamento apre la strada al Testo Unico

19/02/2014 Sani: serve operazione disboscamento dell' attuale normativa

Avvio dei lavori parlamentari, con un incontro congiunto alla Camera il 25 febbraio delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato, per la definizione di un Testo Unico del vino, che consenta agli operatori del settore di lavorare più agevolmente e dia più competitività al Vigneto Italia. Lo ha annunciato, in apertura del 'Buy Wine' alla Fortezza di Firenze, il presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei deputati Luca Sani. Nel contesto normativo attuale ''occorre fare un'operazione di disboscamento - ha detto Sani - e in questa ottica apriamo un confronto istituzionale, su sollecitazione di Assoenologi, Unione Italiana Vini, e delle organizzazioni agricole''.

''Lavoreremo a un Codice del Vino - ha precisato Sani - che punta a una razionalizzazione delle attività di controllo e allo snellimento delle attività burocratiche nelle aziende agricole. Con l'obiettivo di far emergere il ruolo di accompagnamento della Pubblica Amministrazione alla crescita del settore, e non meramente l'attività vessatoria. Tra i punti nodali del Testo Unico l'istituzione di una Anagrafe centrale'' ha detto infine nel sottolinearsi ''convinto del legame tra competitività nei mercati internazionali e razionalizzazione''.

Fonte: Ansa




2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002