Ministro Martina, a Expo2015 marchio unico Made in Italy

03/03/2014 Da agroalimentare potenzialità per crescita e giovani

Il ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina riflette sul ruolo del Made in Italy nel rilancio del Paese e, in un'intervista a l'Unità, lancia l'idea "di un marchio unico dell'agroalimentare italiano" da presentare all'Expo'. "Il Made in Italy - sottolinea il ministro - è una delle chiavi per riposizionare il Paese usando al meglio il nostro 'soft power'".

Martina pone l'accento sul ruolo che l'agroalimentare ha nell'economia: "lo considero - insiste il ministro - uno dei pilastri della ricostruzione del Paese: da solo vale il 17% del Pil". Riflette anche sulle potenzialità che l'agricoltura offre ai giovani: "occorre mettere a punto un piano di azione per promuovere l'occupazione e l'impresa giovanile nel settore". "In primis - continua il ministro dell'Agricoltura - dobbiamo irrobustire il 'tasso 0' previsto nel collegato per i mutui che finanziano investimenti fino ad 1,5 milioni di euro in progetti d'impresa".

Martina rinnova anche il suo impegno contro l'eccessiva burocrazia e per una semplificazione del sistema degli Enti. Ma, sottolinea il ministro, "la vera sfida sarà mettere a punto un progetto strategico per l'agricoltura dei prossimi anni; dall'applicazione della nuova Pac ad un'idea di agricoltura moderna che prova a superare alcune impasse".

Il ministro riflette anche sulla necessità di farsi trovare pronti sull'e-commerce del food: "se l'Italia non farà subito una riflessione su questo tema e deciderà un asse strategico - avverte Martina - verrà inesorabilmente scavalcata". (Fonte Ansa)




2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002