A San Valentino si brinda con i classici vini rossi italiani. Tendenza confermata dalle indagini su il giorno più romantico dell’anno

05/02/2015 Per la cena del 14 febbraio, meglio se in due e a lume di candela, i toscani e i piemontesi, come Brunello, Barolo, Barbaresco e Chianti Classico, dominano la classifica

Da sempre, per il brindisi di San Valentino, i wine lovers scelgono il grande vino rosso italiano. Questa la tendenza, ormai consolidata e confermata dalle indagini sulle previsioni di consumo per il giorno più romantico dell’anno. Per la cena del 14 febbraio, meglio se in due e a lume di candela, i toscani e i piemontesi, come Brunello, Barolo, Barbaresco e Chianti Classico, dominano la classifica, a conferma che il vino rosso è legato a doppio filo con l’idea stessa dell’amore. Subito a seguire ecco che arrivano altri grandi vini “sanguigni” come Amarone, Barbera, Sagrantino di Montefalco, Aglianico e Montepulciano d’Abruzzo. Ma non finisce qui. C’è chi, in occasione del giorno più romantico dell’anno, privilegia i bianchi (Chardonnay e Sauvignon Blanc in testa). E chi a San Valentino si ritrova solo? Per un brindisi “portafortuna” a futuri incontri e nuovi amori i wine lovers scelgono le “bollicine”. E voi? Con quale nettare brinderete in compagnia del vostro amore? Scrivete a comunicazione@movimentoturismovino.it




2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002