La Puglia fra ottimi vini e pregiati oli extravergini protagonista a Milano

25/01/2013 Un week end tutto pugliese quello in corso a Milano in questi giorni.

Un week end tutto pugliese quello in corso a Milano in questi giorni. La regione famosa per il suo mare da sogno, per il suo clima invidiabile e per le bontà enogastronomiche è infatti presente nel capoluogo lombardo con ben due iniziative: il progetto 'Top wine destination 2013', presentato questa mattina presso la sede della Borsa (Palazzo Mezzanotte), nato dal prestigioso riconoscimento ottenuto dalla rivista internazionale Wine Enthusiast che l'ha eletta fra dieci migliori mete dell'enoturismo a livello mondiale; la seconda è Olio Officina Food Festival, manifestazione dedicata alla cultura dell'olio in corso fino a domani, 26 gennaio, presso il prestigioso Palazzo delle Stelline (corso Magenta).

Prestigioso il parterre degli ospiti di questa mattina: Dario Stefàno, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il lavoro, Sviluppo economico, Università e Ricerca del Comune di Milano, Giovanni Viganò, docente Master di Turismo dell'Università Bocconi, Sebastiano de Corato, presidente del Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia. Ha moderato l'incontro il giornalista Maurizio Pescari. E' stato inoltre presente il presidente dell'associazione Vinarius Andrea Terraneo. Al termine della conferenza stampa si è tenuta una apprezzatissima degustazione di vini e specialità pugliesi.

'L'inserimento nella top world wine destinations 2013 è un risultato straordinario – spiega Dario Stefàno, assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia – perché testimonia la scelta della Puglia di recuperare un'identità agricola per molto tempo ritenuta scomoda, trasformando l'esperienza vissuta da generazioni di agricoltori in motivo di orgoglio e di rilancio, anche economico e occupazionale. Per ottenere questo successo abbiamo posto in atto una serie di azioni strategiche: abbiamo ridisegnato la geografia delle doc pugliesi, per far sì che ogni vino fosse legato al suo territorio; abbiamo recuperato vitigni autoctoni come il Fiano pugliese, per troppo tempo dimenticato e ingiustamente accantonato; abbiamo creduto nel valore promozionale degli educational tour, strumento essenziale per far scoprire la nostra terra a giornalisti e opinion leader di rilievo internazionale'.

'Un premio – commenta invece Sebastiano de Corato, presidente del Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia – non tanto ai vini pugliesi, ma al territorio che rappresentano, e di cui diventano così il biglietto da visita sia in Italia che all'estero. Siamo certi che i nostri vini, grazie all'eccellenza della qualità e alla storia che rappresentano, riusciranno a trasformare il consumatore in potenziale turista, come confermano tra l'altro le prime ricerche su questo tema effettuate in campo universitario. In linea con questo percorso di promozione e valorizzazione si pone anche l'iniziativa ideata insieme a Vinarius – Associazione delle enoteche italiane – che vedrà per il mese di febbraio i vini pugliesi presenti nelle migliori enoteche di Milano e della Lombardia'.

Per quanto riguarda la kermesse dedicata all'olio, invece, fra gli appuntamenti in programma spicca il convegno dal titolo 'L'olio di Puglia è come un grande romanzo', che ha visto la partecipazione dell'assessore regionale alle Risorse Agroalimentari Dario Stefàno. Per tutta la durata della manifestazione, inoltre, i visitatori hanno potuto degustare alcuni esempi 'eccellenti' di extravergini pugliesi selezionati dal Movimento Turismo dell'Olio.

La promozione dei vini di Puglia vedrà anche un'altra iniziativa di grande interesse: per tutto il mese di febbraio, infatti, le bottiglie di Primitivo, Nero di Troia e Negroamaro saranno in bella vista nelle principali enoteche di Milano che, per l'occasione, organizzeranno laboratori sensoriali e degustazioni guidate da autorevoli esperti. Il road show, a cura di Vinarius, l'associazione di enoteche italiane che riunisce circa 100 fra bottiglierie e punti vendita di vino a mescita in tutto il territorio italiano e all'estero, sarà l'occasione per portare i vini e gli oli extravergini di Puglia direttamente nei luoghi più frequentati dagli appassionati di buona tavola, invitandoli a scoprirne le peculiarità e soprattutto a scegliere la Puglia come prossima meta di viaggio.

La conferenza stampa è stata anche l'occasione per presentare lo studio della prof. Magda Antonioli dell'università Bocconi di Milano e il suo staff, che in collaborazione con il Movimento Turismo del Vino Puglia, condurrà l'indagine statistica rivolta a un ampio campione di aziende vitivinicole della regione, intervistate con l'obiettivo di far emergere punti di forza e margini di miglioramento di questo specifico segmento, valutando di conseguenza possibili azioni in favore del comparto. Un ritratto attendibile della Puglia enoturistica, che intende descrivere l'evolversi degli aspetti sociali, degli stili di vita, del costume, evidenziando il cambiamento delle abitudini dei turisti, dei loro bisogni e capacità economiche.




regione Puglia

2014

2012

2011