Cantine Aperte in Umbria

22/05/2002 Il 26 maggio sarà un "wine - day" dedicato agli amanti del buon bere e agli appassionati di itinerari enogastronomici ...

CANTINE APERTE, IL 26 MAGGIO, APPUNTAMENTO CON IL VINO: L'UMBRIA APRE LE SUE CANTINE

Il 26 maggio sarà un 'wine - day' dedicato agli amanti del buon bere e agli appassionati di itinerari enogastronomici: 31 le cantine in Umbria pronte ad accogliere esperti, visitatori e turisti. Appassionati di vino e viaggiatori del gusto, turisti alla ricerca di itinerari fuori dal comune e raffinati gourmet sono insomma invitati per un tour dei sapori tra le migliori cantine dell'Umbria.
'Cantine Aperte in Umbria', uno degli appuntamenti simbolo per il Centro Agroalimentare dell'Umbria, è un'occasione unica ed irripetibile per conoscere da vicino le migliori produzioni del territorio gustando pregiati vini e ottimi prodotti tipici contornati dalle rassicuranti colline umbre e da suggestivi paesaggi. Ma l'obiettivo di 'Cantine Aperte', che è organizzata in tutta Italia dal Movimento Turismo del Vino, è quello di accompagnare il consumatore nei luoghi di origine non solo del vino, ma anche dei prodotti agroalimentari, alla scoperta delle persone, del lavoro e dei metodi artigianali di produzione che stanno dietro alle specialità che troviamo sulle nostre tavole. Assaggiare i prodotti tipici della gastronomia dell'Umbria, quelli difficili da trovare se non nei luoghi di produzione è sicuramente un'occasione da non perdere: dal Prosciutto di Norcia all'olio extravergine di oliva, un viaggio nel gusto che assicura sapori ricercati e raffinati e sensazioni da non perdere.
Domenica prossima, dunque, chi vorrà scoprire i sapori dell'Umbria potrà anche conoscere di persona il produttore della vostra etichetta preferita e farvi raccontare aneddoti e curiosità. Tutto questo e molto di più attende le migliaia di turisti che anche quest'anno dedicheranno l'intera giornata del 26 maggio alla scoperta dei tesori di questa regione. L'Umbria, culla del vino di qualità, è pronta per festeggiare il decennale di 'Cantine Aperte', manifestazione nata grazie al Movimento Turismo del Vino. Sarà un'occasione per fare una micro-vacanza o un week-end alla ricerca dei gusti e dei sapori dell'Umbria. Uno dei fattori trainanti dell'affermazione delle vacanze rurali è sicuramente il turismo del vino e la ricerca dei prodotti e delle tradizioni perdute.
Nel 2002, in Umbria, si rinnova anche l'iniziativa 'Il Bicchiere della Solidarietà', organizzata in collaborazione con le associazioni benefiche: acquistando un calice, che costituisce anche un ricordo delle manifestazioni, il turista del vino può degustare i vini e, allo stesso tempo, compiere un significativo gesto di solidarietà. I proventi ricavati dai bicchieri di tutta l'Umbria saranno devoluti in favore del 'Comitato per la vita Daniele Chianelli' che raccoglie fondi per la costruzione di una struttura per accogliere i malati di leucemie.
Le cantine dell'Umbria, il 26 maggio, saranno visitabili dalle ore 10 alle ore 18: sarà possibile degustare i migliori vini umbri che hanno riscosso un notevole successo all'ultimo Vinitaly, effettuare visite guidate nelle cantine per scoprire i segreti della moderna enologia regionale, incontrare i produttori ed assaggiare i prodotti tipici e tradizionali, dall'olio extra vergine di oliva Dop Umbria alla porchetta, dal prosciutto di Norcia Igp alla cipolla di Cannara, dal pecorino di Norcia alle zuppe di farro … e tante altre bontà regionali.


CANTINE APERTE: INIZIATIVE PER TUTTI I GUSTI
ECCO DOVE DEGUSTARE E FARE FESTA
NELLE 31 CANTINE DELL'UMBRIA

In tutta l'Umbria, saranno 31 le 'Cantine Aperte' che accoglieranno i turisti per trascorrere una giornata di festa tra ottimo vino, prodotti tipici, musica ed arte. Anche per questa edizione, si ripeterà l'abbinamento con i prodotti tipici regionali, per cui le degustazioni dei migliori vini saranno ovunque accompagnate dall'assaggio dei migliori prodotti dop ed igp della Regione. Sarà anche l'occasione per percorrere le strade del vino dell'Umbria che tanto interesse stanno suscitando negli enoturisti di tutto il mondo: la Strada dei Vini del Cantico, che da Torgiano si estende fino a Spello passando per Todi, Perugia, Bettona, Cannara, Assisi ed altri comuni della zona; la Strada del Vino dei Colli del Trasimeno che, attraverso percorsi ad hoc abbinati a grandi personaggi del passato, consente di passeggiare intorno al Lago Trasimeno; la Strada del Sagrantino, che da Montefalco si dirama negli altri comuni (Bevagna, Castel Ritaldi, Giano dell'Umbria, Gualdo Cattaneo) nei quali viene coltivata la pregiatissima bacca rossa. Quella del 26 maggio potrebbe quindi essere anche un'ottima occasione per coniugare enogastronomia ed arte umbra seguendo gli abbinamenti tra le ricchezze artistiche dei nostri stupendi borghi storici e il fascino dei più apprezzati vini umbri. Tutti gli itinerari delle strade del vino umbre sono consultabili su www.umbriadoc.com , il sito del Centro Agro Alimentare dell'Umbria.


Ciascuna delle 31 cantine presenterà un proprio evento che arricchirà il programma:


LE CANTINE APRONO LE PORTE E I BUONGUSTAI ASSAGGIANO
EVENTI, CURIOSITA' NELLE CANTINE DELL'UMBRIA
Ecco cosa propongono le cantine dell'Umbria che il 26 maggio non solo aprono le porte ai visitatori e li guidano nei segreti della produzione, ma hanno organizzato degustazioni, eventi, concerti ed esposizione d'arte.

La Arnaldo Caprai propone la 'Mangialonga del Sagrantino', percorso enogastronomico (4 chilometri, a tappe didattiche, con quattro soste golose e musica dal vivo) che si snoda tra i vigneti dell'azienda leader del Sagrantino di Montefalco, ed il gemellaggio tra pane e salumi regionali d'Italia a Montefalco. I salumi in degustazione sono il Salame di Varzi, il Salame di Felino, la Salsiccia di Bra, il Lardo di Colonnata, la Mortadella di Bologna, i Salumi della Murgia e la Norcineria Umbra. Per i pani ci saranno quello di Genzano, di Strettura, di Lariano, di Foligno, di Ulm (Germania), di Bra e di Altamura.

Lungarotti: Museo del Vino, vigneti e cantina. 'Cantine Aperte', per Lungarotti, vuol dire un percorso concreto a Torgiano, che prenderà il via dal Museo del Vino. Nato nel 1974 per volere di Giorgio e Maria Grazia Lungarotti, il Museo (oltre 20.000 visitatori nel 2001), da due anni affiancato dal Museo dell'Olivo e dell'Olio, racconta 5.000 anni di storia del vino e della sua cultura (per la giornata, il costo del biglietto d'ingresso al Museo del Vino sarà di 1 Euro). Sono previste visite guidate gratuite (ore ore 11,30, 15, 16, 17). Il Museo del Vino ed il Museo dell'Olivo e dell'Olio - stelle del mondo Lungarotti cresciute intorno alla cultura di eccellenza enologica che pervade Torgiano e le sue colline - hanno accolto turisti attenti, consapevoli, decisi ad unire il piacere della conoscenza delle origini della vite e dell'olivo e delle forme d'arte ad essi collegata, all'attualità di un'azienda proiettata verso il futuro e saldamente legata alla tradizione. Alla visita dei Musei seguirà una passeggiata che dal borgo, porterà lungo i vigneti di nuova generazione, fino alla cantina. Degustazione della produzione aziendale e grande festa con prodotti tipici umbri: zuppe di legumi, salumi, olio extra vergine d'oliva (info: 075 988661)

L'azienda agricola Goretti abbina la degustazione dei suoi vini alle specialità regionali umbre.

La cantina Terre de' Trinci dà spazio all'artigianato: un ceramista dipingerà in cantina delle ceramiche tradizionali dell'Umbria. Quindi, spazio alla degustazione di vini e prodotti tipici.

L'azienda agraria Fanini ha invece preparato una succulenta 'Bottega del Gusto' dove proporrà diversi prodotti preparati secondo antiche ricette umbre, nati da un'accurata selezione delle carni e da un'attenta lavorazione: Salame Perugino, Zucchetta Umbra, Fiaschetta Umbra, Salumi di Cinghiale, Lardo dei Colli del Trasimeno. Il Lardo dei Colli del Trasimeno, vera e propria peculiarità territoriale, dopo circa 3 mesi di lavorazione, viene conservato sotto vuoto con tutte le spezie e gli odori, ingredienti custoditi gelosamente da una personale ed antica ricetta. Ci sarà una degustazione una tradizionale insalata di farro, crostini con crema di cicerchia o dei deliziosi 'Farretti', biscotti realizzati con farina di farro. La giornata sarà allietata del concerto 'Il Quinto elemento': concerto di percussioni dalle note del vino.

Alla Cantina di Bettona si potranno degustare salumi, formaggi e bruschette.

L'Azienda Agraria Chiorri Franca propone musica dal vivo ed esposizione di opere d'arte del maestro Tedeschi.

L'Azienda Agraria Benincasa propone una degustazione di prodotti tipici ed esposizione di ceramiche di Bevagna.

L'azienda Antonelli San Marco invita gli enoturisti ad ascoltare musica dal vivo e degustare l'olio aziendale.

A Rocca Di Fabbri sarà possibile visitare un mercatino delle botteghe artigiane: gli artigiani del territorio esibiscono le loro arti.

L'azienda agricola Palazzone tutti i partecipanti potranno degustare succulenti piatti tipici.

Alla Tenuta del Castello della Sala dei Marchesi Antinori ci sarà una degustazione formaggi.

Nell'azienda agricola Barberani Vallesanta, degustazione prodotti tipici

Nella Cantina Colli Amerini, degustazione prodotti tipici

Nella cantina Zanchi ci saranno stuzzichini a base di prodotti tipici e preparazioni gastronomiche … ed un piccolo omaggio a tutte le signore.

Nell'azienda agricola di Paolo Bea, degustazione di formaggi e crostini in abbinamento al Sagrantino.

Nella Terre del Carpine, degustazione di prodotti tipici, musica popolare con 'La Bandaccia', concerto lirico (soprano Kho Myung Jae, pianoforte Sabina Belei), teatro con Eduardo De Filippo (adattato in dialetto perugino).

Nell'azienda Fanini di Petrignano del Lago (Pg) i cinque elementi della natura e del piacere saranno i protagonisti assoluti di Cantine Aperte. L' appuntamento guida gli enoturisti all'interno delle proprie cantine, affascinarli col racconto dei metodi di vinificazione ed invecchiamento dei vini e, naturalmente, offrire la possibilità di degustare i prodotti tipici regionali, iniziandoli alla cultura del vino e del territorio. La 'Bottega del Futuro' proporrà diversi prodotti preparati secondo antiche ricette umbre, nati da un'accurata selezione delle carni e da un'attenta lavorazione: Salame Perugino, Zucchetta Umbra, Fiaschetta Umbra, Salumi di Cinghiale, Lardo dei Colli del Trasimeno; l'azienda 'Prosperi' proporrà in degustazione una tradizionale insalata di farro, crostini con crema di cicerchia o dei deliziosi 'Farretti', biscotti realizzati con farina di farro; la 'Taberna Imperiale', azienda selezionatrice e stagionatrice di prodotti di altissima qualità, proporrà una selezione di formaggi italiani artigianali a latte crudo. Tra gli altri, verranno proposti il Gran Sardo ed il Pecorino dei Monti Sibillini. In calendario anche un concerto di percussioni dalle note del vino: il famoso quartetto perugino dei 'Tetraktys' arricchirà e animerà la festosa domenica dedicata a Bacco con un insolito concerto: celebrerà il vino in un concerto a più puntate che intratterrà i visitatori durante l'arco della giornata, utilizzando come strumenti di percussione: botti, bottiglie, damigiane, torchi, alambicchi ecc.. utilizzati solitamente per la produzione del vino!!


CANTINE APERTE 2002: CURIOSITA' & NOVITA'
Un'accoglienza garantita
Il Movimento Turismo del Vino, quest'anno, ha dedicato all'innalzamento della qualità dell'accoglienza in cantina due nuovi importanti progetti: il primo è il 'Decalogo dell'accoglienza', un protocollo di qualità per l'ospitalità in cantina. Depositato alla CSQA, una delle più importanti società di certificazione in Italia, il Decalogo comprende una serie di 'regole' che devono essere rispettate dalle cantine per assicurare un'accoglienza di alto livello qualitativo agli enoturisti. Il Decalogo, che è sponsorizzato da Coop Italia, costituirà un 'sigillo di garanzia', sinonimo di professionalità nell'accoglienza, rappresentato da una speciale etichetta a distinguere le cantine certificate che tutte le 31 cantine dell'Umbria hanno ottenuto ed esporranno domenica 26 maggio.

Un 'passaporto' per l'enoturista
La seconda iniziativa promossa dal Movimento Turismo del Vino per fidelizzare gli appassionati è il 'Club Turista del Vino', che offre servizi e trattamenti 'vip', con la possibilità di usufruire di corsie preferenziali nelle cantine del circuito. Il Club è nato per dare agli enoturisti un sistema di opportunità ed informazioni, orientandolo ad una più approfondita conoscenza del 'pianeta vino' e dei territori a vocazione enologica. Per i soci del Club sarà creato un 'passaporto' dell'enoturista, che certificherà le presenze in cantina ed offrirà particolari benefits.

Chi è l'enoturista
L'identikit del turista del vino che viaggia alla ricerca dei sapori nell'Umbria è un giovane-adulto (fra 25/50 anni), con alto tasso di scolarizzazione, elevato potere d'acquisto, interessato a compiere scelte oculate, con una buona disponibilità agli spostamenti ed una buona confidenza con il computer. Chi si accosta al vino ha anche il desiderio di conoscerne i processi produttivi, vivendolo come un valore culturale, degustandolo con rispetto. Il turista del vino è colui che va sì alla ricerca di prodotti di qualità, ma non si accontenta di acquistarli nei negozi: vuole sapere cosa c'è dietro alla bottiglia, incontrare il vignaiolo e percepire i profumi del terroir da cui il vino ha origine.

Cantine sempre più belle
Una conferma del successo del turismo rurale arriva anche dagli investimenti effettuati dalle aziende agricole per elevare la propria offerta produttiva: da una stima del Movimento Turismo del Vino risulta infatti che nel 2001 il 5% del fatturato delle cantine associate è stato destinato al sostegno, alla qualificazione e allo sviluppo dell'enoturismo. Anche in Umbria si è puntato al miglioramento delle strutture ricettive e di accoglienza, ad iniziative quali corsi di cucina e degustazione, all'organizzazione di concerti, eventi culturali, workshop, seminari sulle tradizioni locali e momenti di promozione e comunicazione.

Record di qualità e di presenze
Lo scorso anno le cantine dell'Umbria che partecipavano all'Iniziativa erano 28, quest'anno saranno 31. nella passata edizione ci furono oltre 30.000 visitatori ma per questa edizione 2002, che festeggia anche il 10° compleanno di 'Cantine Aperte', l'Umbria conta di battere anche questo record di presenza

Info per il turista del vino
Centro Agro Alimentare dell'Umbria
Via Nazario Sauro, 4/c
06034 Foligno
Tel. 0742/344214 - Fax 0742/341001 Web: www.umbriadoc.com




regione Umbria