Vinitaly 2016: la Medaglia di Cangrande va a Stefano Celi

10/04/2016 Il Presidente VIVAL e del Movimento Turismo Vino Valle d'Aosta č stato premiato durante la fiera.

Un pregiato riconoscimento al Presidente del Movimento Turismo del Vino Valle d'Aosta Stefano Celi che quest'anno ha ricevuto la Medaglia  di Cangrande.

Domenica 10 aprile 2016, nell'ambito della cerimonia inaugurale di Vinitaly, 50° Salone Internazionale dei Vini e dei Distillati di Verona, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e del Ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Maurizio Martina, il Presidente dell'Associazione Viticoltori Valdostani-VIVAL e Presidente del Movimento Turismo del Vino Valle d'Aosta Stefano Celi è stato proclamato Benemerito della vitivinicoltura italiana e ha ricevuto la Medaglia di Cangrande.
Il riconoscimento, istituito nel 1973, premia ogni anno, per ogni regione d'Italia, una persona che si sia distinta per aver saputo promuovere e valorizzare la cultura vitivinicola del proprio territorio.
La VIVAL, che raggruppa le sei cooperative vitivinicole valdostane, l'IAR e 25 produttori privati, è nata nel 2013 con lo scopo di promuovere e sostenere la viticoltura e le sue produzioni. In qualità di suo presidente Stefano Celi è stato ritenuto meritevole dell'onorificenza per l'importanza dell'attività svolta in questi anni dall'Associazione a tutela e promozione, in primis, del settore vitivinicolo valdostano e, più in generale, della viticoltura di montagna, in particolare con l'organizzazione, nel 2015, della prima edizione di Vins Extrêmes – Il meglio dei vini d'alta quota. La manifestazione, a carattere biennale, nella sua prima edizione ha saputo attrarre oltre 60 produttori dell'arco alpino e di altre realtà territoriali eroiche e ha saputo valorizzare le produzioni di qualità in contesti particolarmente difficili.

Fonte: Assessorato dell'agricoltura e risorse naturali – Ufficio stampa Regione Autonoma Valle d'Aosta