Enoturismo. In Italia 14 milioni di accessi e 2,5 miliardi di euro di affari

15/02/2019 Citt

Dall'articolo del Tre Bicchieri

Quattordici milioni di accessi, tra escursioni e pernottamenti, e un giro d'affari di 2,5 miliardi di euro. Il dato è contenuto nel quindicesimo Rapporto sul Turismo del vino in Italia, realizzato dall'Osservatorio delle Città del vino e dall'Università di Salerno, che offre un quadro che lascia ben sperare per il futuro. Il fenomeno in Italia è definito “vivace”, con iniziative sparse per lo stivale e numerose attività promozionali e di valorizzazione dei prodotti nei Comuni aderenti all'associazione presieduta da Floriano Zambon. Milano e la Bit sono state sedi di presentazione di tutti i numeri, ma il Rapporto sarà illustrato direttamente anche al ministro per le Politiche agricole e per il Turismo, Gian Marco Centinaio, il prossimo 27 febbraio.

COMUNI. La prima parte del sondaggio è sui Comuni (72 i rispondenti sui 432 aderenti a Città del vino) ed evidenzia un “discreto” livello dei servizi offerti dagli operatori enoturistici (cantine, ristoranti, alberghi), con un 40% che riconosce un voto “buono”. Formazione del personale (33%) e pubblicità (27%) sono le due attività su cui gli operatori dovrebbero inve- stire. Nel 2018, il 73% dei Comuni ha realizzato uno o più progetti per promuovere l'arrivo degli enoturisti, che incidono in media per il 27% sul fatturato delle cantine e per il 36% delle altre aziende (alberghi, prodotti tipici). Punto debole? La qualità delle infrastrutture di collegamento nelle singole zone di interesse, giudicata insufficiente. Ancora il 60% dei Comuni non ha un ufficio turistico. Quanto alle presenze di enoturisti oltre l'80% dei Comuni risponde che il flusso è aumentato o rimasto stabile. Un 20%, infine, appartiene all'associazione Città dell'olio.

CANTINE. Dal lato cantine (42 interpellate, di cui 19 in Toscana), il sondaggio conferma come la vendita diretta, la degustazione e le visite esauriscano il 65% di quanto svolto in azienda per il turismo del vino. Interessanti, si legge nel rapporto, i livelli di servizio offerto, dalla logistica all'accoglienza anche se “emerge purtroppo qualche ritardo nell'accessibilità per i disabili ai vari servizi”. Oltre metà del campione produce anche olio ed è già impegnata nell'oleoturismo, e considera strategica la collaborazione avviata nel 2018 tra le associazioni Città del vino e Città dell'olio.

ENOTURISTI. La parte speciale dedicata agli enoturisti conferma la Toscana come la regione più attrattiva d'Italia (48%), seguita da Piemonte, Trentino Alto-Adige e Campania, che già di per sé sono regioni a vocazione turistica. È di 85 euro la spesa media per gli escursionisti (chi visita ma non pernotta) che sale a 160 euro per chi utilizza tutti i servizi (viaggio, vitto, alloggio, acquisto bottiglie e prodotti). “Il turista del vino” recita il rapporto “si conferma disposto a spendere bene per un'esperienza di qualità”. Due persone su tre si sono dette interessate anche al turismo dell'olio.




2020

2019

2018

2017

2016

2015

2014

2013

2012

2011

2010

2009

2002